lunedì 10 ottobre 2016

Il palazzo incantato - Edgar Allan Poe











Nella nostra più verde vallata,
dagli spiriti buoni abitata,
una volta sorgeva un castel:
là viveva il «Monarca Pensiero»
5e giammai su castello più nero
spiegò il vol cherubino del ciel.

Alla torre un’insegna giuliva
dipingeasi — e questo avveniva
nelle antiche, antichissime età —
10e allorquando soffiavano i venti
nelle ardite muraglie fiorenti,
vaghi olezzi spiravan di là.

E dall’ampie finestre i viandanti
travedevano spirti festanti
15i concenti d’un liuto seguir,
e all’armonico e magico suono
mover tutti d’intorno ad un trono
dove stava uno splendido sir.

E allorquando la porta s’apriva,
20di quel vasto palazzo, s’udiva
come un suono di cetere d’or:
torme d’echi per l’aëre blando
transvolavano sempre, inneggiando
alla gloria del loro signor.

25Ma lugùbri fantasmi di morte
là piombarono, e infrante le porte
quel monarca cacciaron di là,
e il castello, sì ricco di gloria,
non fu più che un ricordo, una storia
30delle antiche, antichissime età.

Il viandante ora scorge dai vetri,
fosche e strane figure di spetri
passeggiar per le scale su e giù.
Il castello ha una tinta sanguigna,
35e la torma di larve sogghigna
non potendo sorridere più!

Nessun commento:

Posta un commento