lunedì 31 ottobre 2016

Samhain



Arriva Samhain, il capodanno celtico...
L'anno infatti iniziava con la sua parte oscura, allo stesso modo in cui il giorno inizia con le ore notturne.
Il giorno che segna la fine di un ciclo e l'inizio di un altro non appartiene a nessuno dei due ma è un tempo oltre il tempo, una scintilla di eternità. Questi luoghi e questi tempi presentano contemporaneamente pericoli e opportunità di conoscenza perchè si può attraverso di essi entrare nell'altro mondo e allo stesso modo le energie dell'altro mondo possono entrare nel nostro mondo quotidiano.
Samhain è ancora più cruciale perchè è l'inizio di un nuovo anno, a ricordare che ogni fine è un nuovo inizio.
I celti antichi festeggiavano in maniera solenne, con banchetti e festini che potevano durare anche una settimana, anche per una ragione pratica: il bestiame di ritorno dai pascoli veniva radunato nelle stalle e in base alla disponibilità di foraggio si macellava il bestiame in eccesso.
Il fuoco aveva un ruolo importante, considerato simbolo della scintilla futura che rifiorirà in primavera. Alla vigilia della festa tutti i fuochi venivano spenti e la gente si raccoglieva sulle colline, dove veniva preparato un grande falò. Tutti attendevano in silenzio che trascorresse l'ora degli spiriti, poi il sacro fuoco veniva acceso dai druidi e la gente festeggiava con grande gioia. All'alba ognuno avrebbe preso una torcia dal falò per riaccendere il proprio focolare domestico.
L'usanza del "dolcetto" si colloca nella tradizione di offrire il cibo ai morti per propiziarsi i poteri. Gli irlandesi usavano lasciare ai loro morti tabacco, un piatto di porrige e sedie vuote attorno al focolare.
E' un periodo adatto a tutti i tipi di meditazione e divinazione, come tarocchi e rune, e siccome le energie di questo momento sono legate alla morte possiamo rivolgere i nostri pensieri a chi ci ha lasciato e prestare attenzione ai piccoli segnali e messaggi che ci mandano...
Non indugiamo in tristezze! Festeggiamo, ceniamo con gli amici, decoriamo la casa con le zucche e travestiamoci da fantasmi.
Abbandoniamo le cose del passato, che non vogliamo più, per esempio scrivendolo su un foglietto e poi bruciandolo sul nostro fuoco di Samhain.
E' tempo di cambiare vita!
Sentiamo che l'anno vecchio se ne sta per andare, ricordiamo le cose buone e cattive che abbiamo vissuto, ricordiamo i nostri cari che non ci sono più... e quando ci sentiamo pronti accendiamo il fuoco dicendo "Accolgo con questa luce gli spiriti di coloro che se ne sono andati prima di me, siate i benvenuti!"
Prendiamo un pò di vino e beviamone un pò dopo aver detto "Ai morti!" e lasciamo alcune gocce...
Felice Samhain, felice Anno Nuovo!
)O(


da "Feste pagane"

Nessun commento:

Posta un commento